Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie

News

Sempre disponibili a saziare la fame di conoscenza!

Previous Next

Quando un gruppo di ragazzi del Liceo Scientifico Alessandro Volta di Reggio Calabria, ai quali è stato assegnato un progetto di ricerca sulla termodinamica, vede casualmente un servizio al TG Rai Regione, che tratta l’impatto dell’aumento delle tariffe di elettricità e gas sulle imprese calabresi, e in particolare, l’intervista a Crescenzo Pellegrino, fondatore e amministratore di Calabra Maceri e Servizi S.p.A.,  si attiva immediatamente l’iter per concordare un incontro alla scoperta di una realtà che si è conquistata un posto nell'Olimpo del settore del recupero e trattamento dei rifiuti, grazie ad una politica aziendale rispettosa dell'ambiente e basata sull'uso intelligente di fonti energetiche rinnovabili.
I ragazzi scrivono una mail all’imprenditore rendese, chiedendo di conoscere meglio il modello di produzione, la strategia aziendale, gli strumenti utilizzati per il conseguimento degli obiettivi strategici, l’innovazione tecnologica dei processi produttivi aziendali, le strategie per il futuro.
E Crescenzo Pellegrino risponde in modo esaustivo a tutti i loro quesiti, mostrandosi disponibile ad incontrarli di persona e a fare da cicerone in un tour guidato dell’impianto.

E così oggi 28 marzo 2022 da Reggio, una delegazione ristretta di studenti della classe 4A Scienze Applicate del Liceo Scientifico Statale "A. Volta", accompagnati dalla loro Prof e dal papà di uno di loro, è stata accolta personalmente da Crescenzo Pellegrino prima di visitare il polo impiantistico in cui i rifiuti arrivano per subire i necessari trattamenti per tornare a nuova vita, o trasformarsi in ammendante compostato per la fertilizzazione del suolo, o finanche biometano, autoprodotto, in grado di sostituirsi pienamente ai tanto agognati combustibili fossili, ormai fuori dalla nostra portata per il caro prezzi determinato dal conflitto tra Russia e Ucraina.
Un viaggio all’interno dell’azienda, e in particolare nell’impianto di biodigestione anaerobica, dove i ragazzi hanno fatto tesoro delle minuziose e dettagliate informazioni fornite dal nostro ingegnere di processo, Giuseppe Zupi, che ha dedicato loro tempo prezioso, soffermandosi sul processo chimico necessario ad una gestione efficiente dell’impianto. Un percorsoche li ha portati a vedere da vicino una realtà, da sempre ancorata al mondo della formazione, che attraverso collaborazioni decennali con il mondo accademico, ha investito tantissimo in ricerca e sviluppo, per implementare sistemi di gestione innovativi e all’avanguardia. 

Una esperienza che non finisce qui, ma che avrà un seguito coinvolgendo l'intera classe, impegnata nell'ambito del Progetto "La Termodinamica? La impariamo in Azienda!", in un tour virtuale, per ripercorrere, a distanza, il viaggio compiuto dai loro compagni direttamente in azienda.

Seguici sui Social

Social & newsletter

Search